Le indagini della Polizia locale riscontrano gravi abusi edilizi nel Capannone di via della Crusca

La conclusione delle indagini da parte della Polizia municipale in materia di edilizia, relative al capannone delle feste di via della Crusca 34, hanno portato alla denuncia della proprietaria e dell’affittuario per una serie di gravi abusi edilizi.

Come si ricorderà, lo scorso anno il locale era stato teatro di due gravi episodi, che avevano coinvolto alcuni giovani, trasportati poi all’ospedale per abuso di alcol e uso di sostanze stupefacenti.

Nel corso delle indagini, scattate dopo quegli episodi, gli agenti del nucleo edilizia di Mestre della Polizia municipale hanno riscontrato il cambio di destinazione d’uso, con opere di trasformazione da artigianale a residenziale e commerciale per diverse porzioni del capannone. In particolare una parte del capannone era stata adibita a locale da ballo attraverso la costruzione di un solaio calpestabile, con alcune tramezze e due magazzini (uno in legno e uno in muratura) costruiti a ridosso del capannone.

Le violazioni edilizie riscontrate comportano l’arresto fino a due anni e l’ammenda da 5mila a 51mila euro. Dal punto di vista commerciale è stata inoltre contestata l’assenza di autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande, che comporta la sanzione di altri 5mila euro.
Fonte: www.comune.venezia.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.