L’ultimo saluto al mitico Albertone nostro!

Scusatemi ma non mi riesce proprio di pensare, di dire, di scrivere che sia l’ultimo!!!
E così, per salutare il nostro “Sindaco per un giorno, Imperatore per sempre” lo facciamo con il sonetto di Gigi Proietti:

Io sò sicuro che nun sei arivato
ancora da San Pietro in ginocchione
A mezza strada te sarai fermato a guardà sta
fiumana de persone.
Te renni conto, sì, c’hai combinato?
Questo è amore sincero, commozione
rimprovero perchè te ne sei annato
Rispetto vero, tutto pe’ Albertone
Starai dicenno: “Ma che state a fà?
ve vedo tutti tristi, ner dolore”.
E c’hai raggione! Tutta la città
sbrilluccica de lacrime e ricordi
ché tu non sei sortanto un granne attore…
Tu sei tanto de più:
sei Alberto Sordi”.


Al nostro vigile Celletti, così come si fa per i colleghi ancor più se ancora in servizio, la Polizia Municipale di Roma ha avuto l’onore ed il piacere di scortarlo.
Ciao Albé e… me raccomanno!!!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.