La Polizia Locale salva l’anziano dall’ aggressione del bullmastiff della nuora


Assalito da un bullmastiff , ha un braccio sbranato. L’aggressione interrotta dalla polizia municipale, che ha sparato alla zampa dell’animale. L’80enne aveva cercato di proteggere la nuora.

L’anziano verrà presto operato nel tentativo di recuperare il braccio maciullato dalle fauci di un bullmastiff di 60 chili. L’80enne è infatti ricoverato in prognosi riservata presso il Policlinico Gemelli di Roma  dopo aver subito l’ aggressione sabato mattina nella sua abitazione, alle porte di Velletri, dal cane della nuora. L’anziano ha cercato di bloccare il bullmastiff impazzito che si era scagliato contro la moglie del figlio, dopo che la donna di 68 anni aveva  visto che l’animale si stava dirigendo, con atteggiamento aggressivo, verso l’abitazione di una vicina, richiamandolo duramente. A quel punto il molosso, nato dall’incrocio fra un cane mastino e un bulldog, le si è rivoltato e ha tentato di mordere la padrona. L’intervento del suocero l’ha salvata, ma l’uomo ha avuto la peggio in quanto è stato a sua volta azzannato più volte alle braccia e al volto.

L’arrivo di una pattuglia della polizia municipale chiamata dalla nuora ha salvato l’uomo . Un agente per bloccarlo ha esploso due colpi di pistola contro il molosso, ferendolo ad una zampa: solo allora il cano si è arreso.

L’anziano è in gravi condizioni ma non in pericolo di vita mentre la donna e il cane, privo del prescritto microcip hanno riportato diverse ferite.

 

Potrebbero interessarti anche...