Diabetici e positivita dell’alcooltest


Vorrei capire se e come l’alcooltest tiene conto del fatto che persone con malattie come il diabete possono avere nel sangue (e nel fiato) sostanze che al test fanno figurare valori alcolemici elevati, quando si tratta di prodotti del corpo, senza influenza alcuna sulle capacità percettive della persona. Non è il mio caso, ma è accaduto a un amico diabetico (che non beve). Grazie

 

RISPOSTA

La questione oggettiv è relativa all’elemento oggettivo, l’alcolemia misurata con strumenti debitamente omologati allo scopo. Fattori soggettivi devono essere fatti valere da chi ne invoca l’esistenza e a tale scopo devono essere provati. Detto questo, se una particolare patologia determina un anomalo smaltimento dell’alcol assunto, a meno che questa sia sconosciuta al soggetto o improvvisa, non pare si possa far valere alcuna esimente, tanto più che nel caso cennato il diabete è condizione che rende altamente sconsigliabile l’assunzione di alcol anche in modiche quantità. Quindi, salvo provare che si tratta di un risultato paradosso (vale a dire che il risultato non è corrispondente alla vera alcolemia) o che si tratta di una ebbrezza incolpevole, direi che sussiste la piena responsabilità, quantomeno a titolo di colpa (siamo di fronte ad una contravvenzione e quindi non necessita il dolo), per il reato previsto e punito dall’articolo 186.
Ovviamente starà alla difesa del suo amico provare che il dato rilevato non corrispondeva alla reale alcolemia, ma non credo sia semplice.

Giuseppe Carmagnini
Dicembre 2009

Potrebbero interessarti anche...