Il caschetto per bicicletta

Il caschetto per bicicletta

caschettoUn’indagine effettuata presso il Pronto Soccorso di alcuni ospedali italiani ha rilevato che la maggior parte dei traumi cranici è causata da caduta dalla bicicletta. Ogni anno i ciclisti italiani infortunati sono oltre 10000, di cui quasi 400 deceduti. Con la bicicletta, soprattutto su strade in discesa, si possono raggiungere velocità elevate: 50, 60, anche 70 km/h (la velocità massima consentita con il motorino è di 45 km/h!!!). A questa velocità la bicicletta è sottoposta a un grande sforzo, il suo controllo richiede esperienza e abilità: un’incertezza, un ostacolo anche piccolo possono provocare la caduta, pericolosa soprattutto per il rischio di battere la testa.
Per questo motivo anche a esperti corridori ciclisti sono accaduti incidenti mortali durante le gare e il caso di Fabio Casartelli al Tour De France del 1995 è solo il più triste. Se si usa la bicicletta su strada asfaltata, a velocità moderata, con una guida prudente, i rischi di caduta sono senz’altro minimi. Teniamo però presente che le strade sono diventate sempre più affollate di veicoli grandi, ingombranti e veloci:


l’uso del caschetto diventa una precauzione intelligente.

Preferisci modelli muniti di approvazione tecnica;
Scegli materiali di colore chiaro per renderti visibile.
Quando lo indossi ricordati di:

  • calzarlo bene

  • allacciarlo bene

  • lavarlo con acqua e sapone e non solventi

  • sostituirlo in caso di urto o caduta violenta.


Utilizzare il casco non vuol dire avere paura o non essere dei “duri”, ma significa usare la propria intelligenza per prevenire possibili pericoli.