Home generale arrow Varie arrow Norme e Circolari varie arrow Consiglio nazionale forense - Circolare del 25 gennaio 2011, n. 2
Venerdì 1 Dicembre 2014
Consiglio nazionale forense - Circolare del 25 gennaio 2011, n. 2

Nota del Presidente Alpa su "specializzazioni", "debiti formativi", anticipazione "questionario"

Arti e professioni - Avvocati - Formazione - Crediti formativi - Recupero - Modalità - Termine

 

Ill.mi Signori Awocati
PRESIDENTI DEI
CONSIGLI DELL'ORDINE DEGLI AWOCATI
PRESIDENTI DELLE UNIONI REGIONALI FORENSI
PER IL TRAMITE DEI C.O.A. DISTRETTUALI
e, per conoscenza:
Ill.mi Signori Awocati
COMPONENTI IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE
LO R O SEDICari Presidenti e Cari Amici, sono a comunicarVi che a seguito delle riflessioni emerse nel corso della
riunione del 15 gennaio scorso il Consiglio nazionale forense ha deliberato nella seduta del 22 gennaio di riesaminare il testo del regolamento sulle specializzazioni, la cui entrata in vigore è prevista per il 30 giugno 2011.
Al fine di acquisire, per iscritto, dati utili ai fini del riesame, Vi saremmo grati se, ad integrazione delle osservazioni trasmesse, evidenziate nel corso delle riunioni organizzate prima del congresso, o emerse nel corso del dibattito
congressuale, poteste farci avere un breve riepilogo di indicazioni, entro il 28 febbraio p.v. Ciò anche al fine di consentire , da un lato, una disamina più dettagliata di tutti i profili della materia segnalati nel corso degli ultimi mesi, e
dall'altro, di tener il passo con le scadenze temporali connesse con i procedimenti in atto.
Per parte sua il Consiglio intende ritornare sull'argomento dopo tale termine, in una riunione con gli Ordini forensi, e nel frattempo, acquisire anche le opinioni delle associazioni , sulla base di incontri che saranno posti in calendario .
A latere riceverete estratto della delibera riguardante il periodo di recupero dell'acquisizione dei crediti per I'aggiornamento professionale, nonché un questionario breve sullo situazione in cui versano gli Ordini riguardo alla prossima entata in vigore del decreto sulla mediazione mediante conciliazione.
il Consiglio ha sollecitato il Ministro della Giustizia a fare seguito alle richieste dell'Avvocatura rinnovate nella riunione del 13 gennaio e si è adoperato in questo senso anche con i rappresentanti delle Camere. In attesa di poterlo fare di persona , Vi rinnovo i sensi della mia stima e Vi porgo un cordiale saluto.IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, nella seduta amministrativa straordinaria del 22 gennaio 2011,(OMISSIS)considerato che- il regolamento per la formazione professionale continua approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13.7.2007 ha introdotto I'obbligo della formazione professionale continua degli avvocati e che in sede di prima applicazione il numero dei crediti formativi da maturare è pari a 50, di cui almeno 6 in materia di ordinamento forense, previdenza e deontologia;
- il 31.12.2010 si è concluso il primo triennio di formazione professionale continua;
- sono state superate, grazie all'impegno da parte degli Ordini, le difficoltà organizzative inizialmente incontrate nell'offrire ai propri iscritti la possibilità di partecipare ad eventi formativi tendenzialmente gratuiti;- si può ritenere che oggi, a distanza di tre anni dall'introduzione dell'obbligo formativo, sia diffusa la convinzione che la formazione e l'aggiornamento professionale siano attività imprescindibili per I'esercizio della professione, oltre a costituire interessante momento di incontro e confronto con i colleghi;- è doveroso procedere ad una prima verifica attenta e puntuale sull'assolvimento dell'obbligo formativo da parte degli iscritti, sia per ottenere un quadro dello stato della formazione che per la presenza di riflessi deontologici per l'adempimento dell'obbligo;- va in ogni caso considerato che si è trattata di una fase sperimentale impegnativa quanto alle modalità di offerta e di assolvimento dell'obbligo formativo, per cui anche l'aspetto deontologico va considerato con il necessario buon sensoDELIBERAdi concedere agli iscritti soggetti all'obbligo formativo, la possibilità di recupero di un massimo di 15 crediti formativi, qualora non avessero conseguito il numero di 50 crediti previsto per il primo triennio, di cui 6 per la materia di  ordinamento forense, previdenza e deontologia.Il recupero dei crediti formativi mancanti, purché nel numero massimo di 15, dovrà avvenire entro il 31.7.2011, fermo restando in ogni caso I'assolvimento dell'obbligo della formazione professionale continua per il triennio 2011-2013.

 

 

 

Speciale
Approfondiamo
Chi è online
Abbiamo 10 visitatori online

Sondaggi
Quali argomenti desideri che vengano maggiormente affrontati in queste pagine?
 
Pubblicità