Home generale arrow Varie arrow Giurisprudenza arrow Cassazione, Sez. II Civile n.23820/2009
Venerdì 24 Ottobre 2014
Menu principale
Home generale
Home
Contattaci
Polizia Edilizia
Polizia Stradale
Polizia Municipale
Polizia Amministrativa
Polizia Giudiziaria
Ambiente
Varie
Modulistica
Esaminiamo
Scuole
PO.LO 2009
Amministratore
Login Form





Hai perso la password?
Articoli correlati
Cassazione, Sez. II Civile n.23820/2009

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Seconda Civile, sentenza n.23820/2009

"Per contro va ricordato che in tema di sanzioni amministrative, ad eccezione delle infrazioni al codice della strada, per le quali vige una disciplina specifica, l’art.14 della legge 24 novembre 1981,n.689, consente la contestazione differita della violazione quando non vi sia stata possibilità – condizione da intendere in senso ampio – di contestazione immediata."

"la mera presenza di "altre abitazioni"  non è di per sé prova della ubicazione in centro abitato. È invece il contrario, poiché altrimenti sia il verbale, contestato sul punto, che la sentenza avrebbero potuto (e dovuto) indicare il nome della via in cui avvenne il fatto e gli altri elementi oggettivi e inequivocabili che connotano la nozione di centro abitato, senza ricorrere a un’indicazione presuntiva talmente vaga da fornire implicitamente prova della inconsistenza dell’ipotesi sostenuta


CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SECONDA SEZIONE CIVILE

SENTENZA

Fatto e diritto

Il Giudice di Pace di Carovilli con sentenza del 31/12/2005 rigettava l’opposizione proposta da […] avverso il Comune di Pescolanciano, per l’annullamento del verbale di due ordinanze ingiunzione – n.3 e 4 del 2005 – emesse dal Sindaco di quel comune, per sanzionare la circolazione in centro abitato di due cani privi di guinzaglio e museruola. Rilevava che non era necessaria la contestazione immediata delle violazioni; che la contestazione successiva era stata adeguata e che risultava incontrovertibilmente che i cani del […] circolavano liberamente e incustoditi in prossimità di abitazioni.

[…] ha proposto ricorso per cassazione, notificato l’8 luglio 2006. Il Comune di Pescolanciano ha resistito con controricorso.

Avviata la trattazione con il rito previsto per il procedimento in camera di consiglio, il procuratore generale ha chiesto l’accoglimento del ricorso perché manifestamente fondato.

Preliminarmente va disatteso il rilievo, contenuto in controricorso, relativo al disposto dell’art.366 bis c.p.c. e alla mancata formulazione dei quesiti ivi previsti. La norma è erroneamente invocata, poiché essa si applica ai ricorsi avverso sentenze rese dopo il 2 marzo 2006, mentre quella impugnata è stata pronunciata nel 2005.

Con il primo e secondo motivo di ricorso il […] lamenta che non sia stata dichiarata la nullità delle ordinanze opposte, in quanto non precedute da contestazione immediata dell’illecito o almeno dalla mancata indicazione dei motivi che avevano reso impossibile la contestazione stessa.

Le censure non hanno pregio. Per sostenerle il ricorrente invoca principi dettati da questa Corte con riferimento alle violazioni del codice della strada, rette dalla normativa speciale. Per contro va ricordato che in tema di sanzioni amministrative, ad eccezione delle infrazioni al codice della strada, per le quali vige una disciplina specifica, l’art.14 della legge 24 novembre 1981,n.689 [1], consente la contestazione differita della violazione quando non vi sia stata possibilità – condizione da intendere in senso ampio – di contestazione immediata. Ne consegue la possibilità di indicare le ragioni del differimento della contestazione anche in sede giudiziaria, come lo stesso ricorrente afferma essere avvenuto nella specie, qualora l’opponente sollevi contestazione sul punto. (Cass. 4287/05; 3128/05).

Risulta invece fondato il terzo motivo, con il quale il ricorrente lamenta che non sia stata indicata la norma di legge violata, ma soltanto un’ordinanza comunale, che vieta la circolazione degli animali in centro abitato. Deduce inoltre che egli aveva rispettato l’ordinanza, poiché il proprio cane si trovava lungo un tratturo nei pressi della propria abitazione e non nel centro abitato. La sentenza impugnata presta il fianco alla doglianza, (che non è inammissibile censura di merito, ma attiene alla motivazione resa sul punto relativo alla nozione di centro abitato), giacché il Giudice di Pace ha desunto l’esistenza della violazione dal fatto che i cani del […] circolavano liberamente "in prossimità di altre abitazioni, e dunque nel pieno centro abitato del comune", circostanza riscontrata dalla cartografia in atti. Il giudicante ha quindi equiparato al centro abitato la presenza di alcune abitazioni, ma tale equiparazione è concettualmente errata, poiché la mera presenza di "altre abitazioni" (è da intendere oltre quella dell’opponente) non è di per sé prova della ubicazione in centro abitato. È invece positivo riscontro del contrario, poiché altrimenti sia il verbale, contestato sul punto, che la sentenza avrebbero potuto (e dovuto) indicare il nome della via in cui avvenne il fatto e gli altri elementi oggettivi e inequivocabili che connotano la nozione di centro abitato, senza ricorrere a un’indicazione presuntiva talmente vaga da fornire implicitamente prova della inconsistenza dell’ipotesi sostenuta.

Discende da quanto esposto l’accoglimento del ricorso e la condanna alla refusione delle spese di lite, liquidate in dispositivo anche con riguardo al giudizio di primo grado.

Si fa luogo, con decisione ex art.384 c.p.c., all’accoglimento dell’originaria opposizione, giacché non sono da esperire ulteriori accertamenti di fatto per dichiarare la nullità degli atti opposti, a causa dell’errata nozione di centro abitato applicata dal Giudice di Pace.

P.Q.M.

La Corte rigetta primo e secondo motivo di ricorso. Accoglie il terzo. Cassa senza rinvio la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, accoglie l’opposizione originaria. Condanna parte controricorrente alla refusione delle spese di lite liquidate in euro 600,00 per onorari e 100,00 per esborsi, quanto al giudizio di primo grado e in euro 400,00 per onorari e 200 per spese con riguardo al giudizio di legittimità, oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile tenuta il 20 maggio 2009.

DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 10 NOVEMBRE 2009-11-18

 

 

Speciale
Approfondiamo
Chi è online
Abbiamo 9 visitatori online

Sondaggi
Quali argomenti desideri che vengano maggiormente affrontati in queste pagine?
 
Pubblicità