Home generale arrow Varie arrow Norme e Circolari varie arrow Proroga stato emergenza per proseguire le attività di contrasto all'eccezionale afflusso di extracom
Sabato 2 Dicembre 2014
Menu principale
Home generale
Home
Contattaci
Polizia Edilizia
Polizia Stradale
Polizia Municipale
Polizia Amministrativa
Polizia Giudiziaria
Ambiente
Varie
Modulistica
Esaminiamo
Scuole
PO.LO 2009
Amministratore
Login Form





Hai perso la password?
Articoli correlati
Proroga stato emergenza per proseguire le attività di contrasto all'eccezionale afflusso di extracom

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 dicembre 2008

Proroga dello stato di emergenza per proseguire le attività di contrasto all'eccezionale afflusso di extracomunitari

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l'art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l'art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 20 marzo 2002, con il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza per fronteggiare l'eccezionale afflusso di extracomunitari sul territorio italiano;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 luglio 2008, con il quale il predetto stato di emergenza è stato, da ultimo, prorogato fino al 31 dicembre 2008;
Considerato che il persistente massiccio afflusso di stranieri extracomunitari irregolari che giungono in Italia continua ad essere particolarmente rilevante, determinando situazioni di grave criticità ed episodi di alta drammaticità;
Considerato che le attività necessarie al contrasto ed alla gestione del fenomeno immigratorio, messe in atto finora dalle Amministrazioni competenti, sia sul piano amministrativo che su quello operativo, si sono rivelate particolarmente incisive per cui si rende necessario, anche in relazione alle nuove dimensioni del fenomeno, porre in essere ulteriori interventi e strategie che assicurino un livello di operatività almeno non inferiore a quello attuale;
Ravvisata pertanto la necessità di continuare a fronteggiare la persistente situazione di criticità in rassegna con l'esercizio di poteri straordinari, mediante interventi e provvedimenti di natura eccezionale;
Ritenuto, quindi, che ricorrono nella fattispecie in esame i presupposti previsti dall'art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, per la proroga dello stato d'emergenza in rassegna su tutto il territorio nazionale;
Vista la nota del Capo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno del 16 dicembre 2008 con la quale è stata rappresentata la necessità di un'ulteriore proroga dello stato di emergenza;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 18 dicembre 2008;

Decreta:

Ai sensi e per gli effetti dell'art. 5, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, in considerazione di quanto espresso in premessa, è prorogato, fino al 31 dicembre 2009, lo stato di emergenza nel territorio nazionale per fronteggiare l'eccezionale afflusso di extracomunitari che giungono in Italia.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 18 dicembre 2008

Il Presidente: Berlusconi


 

 

Speciale
Approfondiamo
Chi è online
Abbiamo 12 visitatori online

Sondaggi
Quali argomenti desideri che vengano maggiormente affrontati in queste pagine?
 
Pubblicità