Home generale arrow Polizia Giudiziaria arrow Resistenza a Pubblico Ufficiale arrow Commento a Cassazione Penale 36009/06 resistenza a Pubblico Ufficiale
Sabato 25 Ottobre 2014
Menu principale
Home generale
Home
Contattaci
Polizia Edilizia
Polizia Stradale
Polizia Municipale
Polizia Amministrativa
Polizia Giudiziaria
Ambiente
Varie
Modulistica
Esaminiamo
Scuole
PO.LO 2009
Amministratore
Login Form





Hai perso la password?
Articoli correlati
Commento a Cassazione Penale 36009/06 resistenza a Pubblico Ufficiale
Scritto da Rosaria Buscia   
COMMENTO
Dopo i titoli sensazionali dei giornali basati su comunicati stampa non sempre completi e indipendenti abbiamo modo di leggere la sentenza per capirne le reali motivazioni nella speranza che si possa integrare la parziale informazione così da non ridurre la strada in un "far west" di reali resistenze a pubblico ufficiale giustificate da una personale sensazione di "abuso di potere".
Occorre premettere che il bene giuridico tutelato dall'art. 337 CP  è l’interesse ad uno svolgimento ordinato, decoroso ed efficace dell’attività dei pubblici funzionari che deve svolgersi senza trovare ostacolo in forme di costrizione fisica o morale, posta in essere con l’intento di impedirne il pieno esercizio finanche con azioni correlate finalizzate a questo - ad esempio mettere a repentaglio consapevolmente la propria incolumità fisica affinché il P.U. non compia l'atto del suo Ufficio- .
Sicchè, sotto il profilo materiale, il reato è integrato da qualsivoglia condotta omissiva o commissiva che impedisca o intralci la regolarità dell’atto d’ufficio.
E' altresì affermato dall’articolo 4 del Decreto Legislativo 14 settembre 1944 n. 288 che 'Non si applicano le disposizioni degli artt. 336, 337, 338, 339, 341, 343 del codice penale, quando il pubblico ufficiale o l’incaricato del pubblico servizio abbia dato causa al fatto preveduto negli stessi articoli, eccedendo con atti arbitrari i limiti delle sue attribuzioni '.
A questo punto è il caso di fare un distinguo affinché non si "abusi" di tale norma cercando quindi di vanificare l'equilibrio giuridico da raggiungersi con l'art.337 CP .
Occorrerà, dunque, esaminare che cosa vuole intendersi per atto che eccede le attribuzioni del P.U.e per atto arbitrario: esso è l’atto non consentito dall’ordinamento giuridico ossia quelli viziati da violazione di legge, incompetenza o eccesso di potere.
Nella rassegna giurisprudenziale monotematica è possibile leggere sentenze in merito
 
 

 

Speciale
Approfondiamo
Chi è online
Abbiamo 1 visitatore online

Sondaggi
Quali argomenti desideri che vengano maggiormente affrontati in queste pagine?
 
Pubblicità